Esenzione E15 Lombardia: cosa non si paga

4.1
(8)

Il codice esenzione E15 indica una delle integrazioni regionali alle esenzioni ticket per reddito nazionali. L’agevolazione è basata sul reddito ISEE ed è disponibile nella regione Lombardia.

A chi spetta?

Possono beneficiare dell’esenzione E15 i cittadini e i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con un reddito complessivo annuale non superiore a 18.000 euro, riferito all’anno precedente.

L’agevolazione copre le spese per le visite specialistiche ambulatorie limitatamente ai costi addizionali sul normale ticket, il cosiddetto super ticket. Sono, invece, escluse le spese farmaceutiche.

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) è un indicatore che serve a valutare e confrontare la situazione economica delle famiglie. L’ISEE è utilizzato dagli utenti che fanno richiesta di prestazioni sociali agevolate, ovvero di tutte le prestazioni o servizi sociali o assistenziali la cui erogazione dipende dalla situazione economica del nucleo familiare del richiedente, ossia basata sulla cosiddetta prova dei mezzi. Viene calcolato dall’INPS (Istituto nazionale della previdenza sociale) previa richiesta dell’utente.
Il superticket è un costo di 10 euro sulle ricette di diagnostica e visite specialistiche ambulatoriali che va ad aggiungersi al costo del ticket classico. Non è obbligatorio: le singole regioni possono decidere se applicarlo o meno.

Con la Legge di Bilancio 2020, il superticket sarà abolito definitivamente a partire dal 1° Settembre 2020.

Come richiedere l’esenzione?

Dal 2019, gli aventi diritto all’esenzione E15 sono automaticamente iscritti nelle liste dell’Agenzia delle Entrate. In caso contrario, bisogna recarsi alla propria ASL di competenza e compilare l’apposita autocertificazione in cui si dichiara che il proprio livello di reddito sia entro i limiti stabiliti. Inoltre, bisogna allegare al modulo la fotocopia del proprio documento di identità.

Rinnovo

L’agevolazione è soggetta a rinnovo automatico. La durata è annuale, dal 1 aprile al 31 marzo successivo, verificabile direttamente sull’attestato di esenzione consegnato dall’ASL.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votare!

Voto medio 4.1 / 5. Totale voti: 8

Nessun giudizio al momento! Dai un voto per primo.

Ci dispiace che quest' articolo non sia stato utile per te!

Dacci qualche suggerimento!

Ci dici come potremmo migliorare quest' articolo?

Fabrizio Pinci

Appassionato di innovazione e business. Laureato in Marketing Management alla University of Groningen. Ho un forte interesse per l'arte e le scienze.

Fin da bambino ho sempre desiderato viaggiare, conoscere e incontrare nuove culture. Ho studiato nei Paesi Bassi e girato l'Europa in treno quando avevo solo 19 anni. Questo ha stimolato ancora di più la mia curiosità e la sete di conoscenza.

Ho co-fondato con diversi amici MOOB Magazine, un editoriale pura espressione della voce dei millennial: dalla moda al business, dalla musica al cinema. Inoltre, ho lavorato in product marketing e comunicazione per la multinazionale Boston Scientific.

Che ne pensi? Commenta qui

La tua email non verrà resa pubblica. I campi obbligatori sono segnati con *